Flàshati Matera

La nascita di Flàshati Matera

download

Questo articolo, a ragion veduta, doveva essere il primo o perlomeno doveva essere stato scritto da me nei primi mesi di vita di Flàshati PhotoBooth Matera.

Invece ho deciso di scriverlo dopo 18 mesi dall’inizio di questa mia avventura, perché mi sembrava meno importante degli altri articoli, delle altre informazioni che mi sono divertito a scrivere e a riportare in questo blog.

Dopo un anno e mezzo però mi sembrava il caso di metterti a conoscenza e raccontarti come ho iniziato la mia attività da affiliato di Flàshati PhotoBooth.

Parte tutto nell’anno 2017.

Sai benissimo, e se non lo sai te lo racconto, io come lavoro principale faccio il rappresentante della Marr, un’azienda di Rimini specializzata nella fornitura alla ristorazione.

Ho iniziato questo lavoro il 27 maggio 2010 e tra pochi giorni (sto iniziando a scrivere il 22 maggio 2019) festeggerò il mio nono compleanno. E’ un grande risultato per me: sono orgoglioso di far parte di questa azienda e, cosa più importante, mi piace molto quello che faccio, ovvero il venditore. Raggiungere il traguardo dei 9 anni in un’azienda non è cosa da poco.

Il lavoro del venditore, se lo fai bene, ti permette di toglierti tante soddisfazioni, non solo economiche: tutto dipende da te, dalla tua bravura e dalla tua voglia di fare, di imparare e di mettere in pratica i vari insegnamenti.

Sono un ragazzo di 40 anni compiuti lo scorso 4 febbraio. Nell’estate del 2017 avevo 38 anni. Mi piace affermare oggi che sono un giovane con 20 anni di età anagrafica + 20 anni di esperienza.

Sono caratterialmente una persona alquanto positiva: mi piace scoprire e conoscere cose nuove, novità o nuovi progetti, “mi piace fare e intraprendere”. Adoro leggere e in auto, anziché ascoltare la radio, ho l’abitudine a sentire i podcast.

Il podcast è uno strumento molto interessante, che ti invito a provare, scoperto per puro caso attraverso la lettura di un libro. Tramite un’applicazione sul mio cellulare, mi scarico i podcast che parlano di business, di marketing, di crescita personale e di altri argomenti che voglio approfondire o scoprire. Durante le mie giornate, quando sono in macchina da solo, anziché sentire la radio, avvio l’applicazione sul cellulare e ascolto questi audio.

Con il lavoro di venditore percorro quasi 75 mila km all’anno, in media 6000 km al mese, 1500 km alla settimana. Sono sempre in auto dal lunedì al venerdì per visitare clienti, trovarne di nuovi, vendere e incassare. Dalle 8 la mattina alle 19 circa la sera passo il mio tempo nella mia automobile.

Per molti questo dover stare sempre in macchina potrebbe non piacere, a me invece piace e non mi pesa per nulla. Stando quindi sempre solo in auto preferisco approfittarne per “studiare” e scoprire cose nuove attraverso lo strumento del podcast.

Mi piace leggere come detto: leggo sia libri che riviste. Tra le riviste, conoscevo per sentito dire, il mensile Millionaire che tratta di business e franchising. Non lo avevo mai comprato prima di Febbraio 2017 perché non mi era mai venuta la voglia di leggerlo. Poi un giorno di Febbraio del 2017 lo compro in edicola, lo sfoglio e lo leggo in meno di 2 giorni. Mi entusiasma e mi appassiona così tanto che decido subito di abbonarmi.

Millionaire è una rivista che parla di nuove opportunità attraverso il franchising o tramite la volontà e l’intraprendenza di giovani che hanno creato da zero nuove attività. Parla di successi personali, di novità a livello imprenditoriali, affronta argomenti di crescita personale. Insomma mi è piaciuto subito e così mi sono abbonato e lo sono ancora oggi.

Nel numero di Settembre 2017 leggo un articolo che tratta l’argomento del PhotoBooth.

Il PhotoBooth è un servizio che da oltreoceano si stava diffondendo anche in Italia. È un servizio nuovo che durante gli eventi privati o pubblici permette alle persone di divertirsi ad indossare degli oggetti, mettersi in posa davanti ad un obiettivo e ricevere all’istante la foto stampata. Una sorta di Polaroid in versione moderna.

Con l’avvento degli smartphone e dei social network si è perso l’abitudine che avevo io quando ero bambino, cioè:

  • comprare un rullino,
  • inserirlo nella macchina fotografica (non digitale),
  • fare le foto durante un evento,
  • portare il rullino al negizio del fotografo,
  • attendere circa una settimana,
  • ritirare le foto stampate,
  • scoprire come sono erano venuti gli scatti.

Al giorno d’oggi, con gli attuali smartphone che hanno delle fotocamere spettacolari, le foto vengono fatte tramite questo strumento. Non si perde occasione di farsi selfie, fare foto ai paesaggi, fare foto con gli amici. Ma tutte queste foto però rimangono nella memoria del cellulare o al massimo trasferite nella memoria del proprio computer. Pochi hanno l’abitudine di stampare le foto, nemmeno quelle più belle e importanti.

Così, attraverso l’articolo apparso su Milionarie, scopro questo nuovo servizio, molto bello e interessante.

Navigo su internet per scoprirne di più e mi accorgo che ci sono due aziende italiane che fanno franchising con il PhotoBooth:

  1. Flàshati PhotoBooth, di Catania
  2. Selfie Box, di Napoli.

Interessato a capirne maggiormente e magari intraprendere questo nuovo business, invio un email ad entrambe le aziende.

Da Selfie Box non ho mai ricevuto risposta, né tramite email né tramite telefonata. Difatti sto ancora ad aspettare ad oggi la loro risposta, forse erano troppo impegnati a rispondere e lo sono tutt’ora! Ma non tutti i mali vengono per nuocere, come dice un proverbio.

Ricevo invece, dopo pochi giorni, la risposta tramite email da Flàshati PhotoBooth. L’email diceva che a giorni un responsabile mi avrebbe chiamato per darmi tutte le informazioni che volevo.

Era un caldo pomeriggio di Settembre, saranno state le ore 15. Avevo appena terminato di visitare un cliente a Policoro ed ero in auto, parcheggiato all’ombra, a sbrigare delle faccende attraverso il tablet.

Ricevo la chiamata da un numero fisso, un 0957 che non conoscevo minimamente. Rispondo senza problemi in quanto il mio cellulare non dava come spam il numero.

Dall’altra parte c’era un certo Salvo Di Guardia, il titolare di Flàshati PhotoBooth con sede ad Adrano in provincia di Catania. Parlo direttamente con il titolare che si dimostra un ragazzo molto affabile, tranquillo e disponibile.

Mi chiede come avevo scoperto la sua azienda, cosa facevo nella vita e come mai avevo scritto a loro. Le solite domande di rito che servono a lui per capire con chi sta parlando.

Io gli spiego il tutto e li dico che volevo abbinare al mio lavoro di rappresentante una nuova attività che doveva però rispettare i seguenti aspetti:

  • non creare problemi con il mio principale lavoro,
  • poter essere gestito senza problemi anche da chi, come me, avesse già un lavoro impegnativo,
  • non richiedesse una grossa cifra per l’investimento,
  • fosse un’attività redditizia e divertente.

Tutti  e quattro le mie richieste conciliano con il diventare un affiliato di Flàshati PhotoBooth.

In Basilicata Flàshati PhotoBooth non aveva ancora nessun affiliato, o meglio, a Potenza c’era un modello del loro PhotoBooth, uno dei primi a nascere, ma colui che lo gestiva non era un vero e proprio affiliato.

In Calabria non c’era nessuno e in Puglia avevano solo un ragazzo già affiliato da qualche mese a Tricase in Salento.

All’inizio propongo a Salvo di fare da venditore piuttosto che da affiliato per Flàshati ma Salvo mi spiega che è meglio diventare da subito un affiliato per tanti motivi che si riversano azzeccatissimi ad oggi.

La telefonata finisce con un risentirci a breve, giusto il tempo di fare io le mie dovute considerazioni più approfondite: sentire il parere di Martina (mia moglie), capire la fattibilità dal punto di vista lavorativo (attraverso il consulto con il mio commercialista), chiedere le opinioni degli altri affiliati Flàshati PhotoBooth che lo erano già.

Martina è una ragazza non molto propensa a investire ma tutto sommato, considerando l’investimento non eccessivo e il fatto di poter lei stessa esserne parte integrante del progetto mi da parere positivo.

Il mio commercialista mi conferma che posso, attraverso una semplice richiesta alla Camera di Commercio, avviare questa nuova attività anche se non attinente alla vendita.

Per quanto riguarda le opinioni di altri affiliati Flàshati, utilizzo dei messaggi su Facebook per contattarli.

Contatto Flàshati PhotoBooth Salento e Flàshati PhotoBooth Napoli. Entrambi mi rispondono positivamente e mi invitano a intraprendere questa nuova attività. Luigi Pizzuto, l’affiliato di Salento mi lascia anche il suo numero di cellulare e mi invita a chiamarlo per parlarne meglio telefonicamente.

Lo chiamo il giorno dopo. Stiamo oltre 30 minuti a chiacchierare e lui è molto entusiasta del suo investimento, oltretutto si trova nella mia stessa situazione: anche lui è un venditore ed ha intrapreso questa nuova attività da Luglio del 2017.

Sono a questo punto convinto più che mai a iniziare. Non mi adopero minimamente a capire se in Basilicata il PhotoBooth potrebbe andare bene o meno, decido che DEVO fare quello che sento, cioè diventare l’affiliato Flàshati PhotoBooth in Basilicata e utilizzare Matera come città nel nome invece di Policoro. Dopotutto non esiste nulla di simile nella mia zona, o perlomeno io non ho mai sentito né visto nessuna attività similare.

Scrivo l’email a Flàshati e inizio l’iter burocratico che mi porterà a iniziare questo business: attivo il codice ATECO alla Camera di Commercio, ricevo il contratto che devo firmare e rinviare, mi informo del modo per il pagamento della quota per il franchising.

Siamo a fine Ottobre 2017 e dal punto di vista familiare è un periodo davvero difficile che non starò a raccontarti ma che segnerà per sempre la mia vita e quella di Martina. Intanto non posso accantonare il mio nuovo obiettivo di business ma lo metto in stand by.

Una sera di inizio Novembre ricevo la chiamata di Salvo il quale vuole sapere se sono ancora deciso a intraprendere questa nuova attività o meno, dato che ha ricevuto la chiamata di un altro ragazzo di Matera che vuole diventare un affiliato. È il momento di scossa, quella telefonata è il punto di non ritorno.

Il 4 Novembre, il giorno del compleanno di Martina, invio tramite email il contratto firmato di affiliato a Salvo ed emetto il bonifico della prima rata.

Sono a tutti gli effetti un affiliato. Sono diventato il responsabile di Flàshati PhotoBooth Matera.

Il periodo no mio e di Martina intanto continua per terminare il 9 Novembre in un modo che mai avremmo voluto: a Bari, in una stanza di ospedale.

Purtroppo la vita ti riserva dei momenti belli ma anche momenti brutti. Tu devi essere forte ad andare avanti, sempre e comunque. Come ho letto in un libro, il fallimento, lavorativo ma anche personale, è un momento della vita, non è da considerare un arrivo. Chi lo considera tale non raggiungerà mai grandi traguardi.

Il 7 Novembre viene creata la pagina Facebook di Flàshati PhotoBooth Matera. Sono a Bari e ricevo sul mio cellulare delle notifiche che mi avvisano che sono l’Editor della pagina.

Il momento sentimentale non è dei migliori ma una piccola soddisfazione e gioia attraversa il mio cuore.

Non che il mio lavoro di venditore non mi desse soddisfazione ma il mio cruccio era sempre quello di creare qualcosa di mio. Leggere per mesi Millionaire mi aveva dato ancora più voglia: leggere storie di successo mi aveva convinto che dovevo fare qualcosa, di avere un mio business tutto mio per mettermi in gioco.

Non potevo certo fare grossi investimenti e Flàshati mi ha permesso di iniziare una nuova attività senza grossi sacrifici economici.

Era comunque assodato che non era mia intenzione fare qualcosa di visto e rivisto, ero alla ricerca di una novità, di qualcosa che nella mia zona non esistesse e io fossi il primo a portarla. Flàshati è stata capace di accontentarmi.

Inizio quindi, con la pagina Facebook a diffondere questa mia novità che presto sarà a tutti gli effetti operativa. Incomincio a prendere contatti con sale ricevimenti, Villa Cirigliano dove lavora mio suocero è il trampolino di lancio con la partecipazione alla prova pranzo del 30 Aprile, con amici, attraverso siti specifici per il wedding.

A inizio di Febbraio del 2018 è pronto il mio totem. Gli accordi prevedevano che un corriere mi consegnasse a Policoro la macchina. Nel frattempo Flàshati PhotoBooth aumenta con gli affiliati e nasce così anche Flàshati PhotoBooth Lamezia Terme, gestito da Emilio e un suo socio. Anche a lui il totem era pronto e visto che doveva ritirare il suo PhotoBooth a Reggio Calabria di persona, si prende anche il mio e mi organizzo con lui per vedermi vicino Cosenza e ritirare il mio totem.

È un sabato pomeriggio di inizio Febbraio e tutto gasato, mi metto in macchina per raggiungere una sala ricevimenti dove Emilio già ha un lavoro con il PhotoBooth.

Conosco Emilio in un pomeriggio freddo di Febbraio, carico il mio totem nuovo di zecca in macchina e rimango qualche ora con lui per capire, scoprire e vedere subito all’opera il suo totem (identico al mio) durante una serata dedicata agli sposi che una sala ricevimenti ha organizzato.

Scoprire il PhotoBooth di Flàshati e vederlo in funzione è davvero una grande emozione, scoprire la sua grande innovazione che porta è davvero entusiasmante: ti fai una foto e ricevi all’istante la copia cartacea che la puoi vedere ogni giorno. Un servizio che ti permette di ricordare “materialmente” gli eventi a differenza degli scatti virtuali fatti con gli smartphone.

Dopo un po’ di tempo passato con Emilio, decido di tornarmene a Policoro.

Arrivo a casa, scendo in garage dove scarico la macchina e invito Martina a vedere il nostro nuovo investimento. È contenta anche lei anche se non lo ha ancora visto in azione.

Dopo alcuni giorni mi contatta Salvo per sapere se era andato tutto bene e darmi una grande notizia: l’11 e il 13 Febbraio ho il mio primo impegno lavorativo.

L’azienda Mondo Convenienza aprirà un nuovo store a Casamassima e durante la sfilata della domenica e del martedì del carnevale di Putignano pubblicizzerà l’evento con un proprio stand e utilizzerà il PhotoBooth per lasciare una foto stampata a tutti coloro che lo vorranno. Tramite una richiesta direttamente fatta alla sede centrale di Flàshati, Salvo ha dato a me l’impegno visto che sono l’affiliato più vicino a Putignano.

Inizia così da domenica 11 Febbraio 2018 la mia avventura con Flàshati PhotoBooth.

Un’avventura fino ad oggi ricca soddisfazioni.

 

 

Mauro Gadaleta
Annunci