Flàshati Matera

Quando utilizzare il photo booth nel tuo matrimonio?

Non preoccuparti di quando, l’importante è che tu scelga correttamente. A noi andrà bene ogni tua decisione.

Molte coppie sono indecise su quale sia il momento giusto del photo booth nel loro matrimonio. La decisione è importante e spetta esclusivamente agli sposi. Per noi invece è irrilevante, qualsiasi decisione sarà quella giusta per stampare il divertimento!

In un matrimonio la parentesi del photo booth, nella maggior parte dei casi, viene collocata in uno spazio temporale di durata variabile. Rari sono i casi in cui lo spazio del photo booth duri per tutta la durata della festa.

Per quanto mi riguarda, solo in pochissimi casi ho svolto il mio servizio per tutta la durata della festa. E quando è successo non si è trattato di un matrimonio ma di una festa di laurea e di un compleanno.

Fin dall’inizio, ho voluto impostare il mio servizio con una durata prestabilita. Questo perché, come si dice in un proverbio, il troppo stroppia. E’ più bello dare un limite al photo booth in modo tale da darli il giusto valore e l’importanza che merita.

Ho proposto una durata in base al tipo di evento:

  • 3 ore in un matrimonio,
  • 2 ore in un compleanno,
  • ore variabili in un evento pubblico.

Questi 3 casi sono le mie basi da cui partire per poi poter fare degli aggiustamenti.

Approfondiamo il settore del wedding. Perché le 3 ore?

Il come ho deciso che in un matrimonio le ore per la parentesi del photo booth dovessero essere 3, sinceramente non me lo ricordo. Ma dopo due anni di attività e dopo oltre 50 matrimoni svolti, posso affermare con certezza che sono le ore giuste.

Come scritto in precedenza, sono del parere che per valorizzare al meglio il momento del photo booth nel matrimonio bisogna darli un tempo prestabilito.

Nelle 3 ore di servizio tutti gli invitati possono avere la loro foto stampata. Nelle 3 ore tutti gli invitati possono lasciare la loro dedica nell’album che ti sarà consegnato a fine evento. Nelle 3 ore tutti posso dare sfogo alla loro fantasia per farsi fotografare in pose simpatiche e oggetti stravaganti.

Ma quali sono le 3 ore che bisogna scegliere? Quale è il momento giusto del photo booth nel mio matrimonio?

Scegliere il momento giusto del photo booth in un matrimonio è una decisione che deve essere ovviamente presa direttamente dagli sposi. Sono loro che devono valutare quale sia il momento più opportuno per inserire il photo booth durante la loro festa.

La scelta può comunque ricadere in tre fasi:

  • prima del pranzo,
  • durante il pranzo,
  • dopo il pranzo.

Prima del pranzo

Aperitivi al matrimonio

E’ il momento in cui gli sposi non sono ancora giunti nella struttura e dove gli invitati sono impegnati nell’aperitivo.

Durante il pranzo

Il pranzo matrimoniale

E’ la fascia con più scelta perché è la più ampia.

Dopo il pranzo

Il taglio della torta

E’ il momento successivo al taglio della torta in cui gli invitati stanno per andar via dopo gli ultimi balli.

Per mia esperienza, seppur non enorme, la fase del durante il pranzo è quella più adatta. Nello specifico io suggerisco l’inizio del momento del photo booth quella successivo al primo ballo.

Il primo ballo degli sposi è uno dei momenti più importanti del matrimonio. E’ una fase cruciale del pranzo/cena e si trova in un momento in cui gli animi degli invitati si sono riscaldati, i parenti e amici sono a proprio agio nell’evento e quindi propensi a divertirsi con la parentesi del photo booth.

Iniziare il photo booth subito dopo il primo ballo gli dà la giusta visibilità e le tre ore sono inserite in un momento centrale della festa.

Nella maggior parte degli eventi wedding in cui sono stato presente, quando la sposa o lo sposo volevano un mio consiglio gli ho sempre proposto il photo booth dopo il loro primo ballo.

Nel mentre loro sono impegnati in un momento cruciale della loro festa e tutti gli invitati sono attratti dal magico momento, io posso dedicarmi a montare e ad allestire il mio angolo. Dopo la parentesi dei balli, successivi al primo ballo, il momento di Flàshati PhotoBooth Matera può iniziare.

A volte è necessario che il deejay mi annunci al microfono, qualora magari io sia posizionato in una posizione poco visibile dagli invitati, ma per la maggior parte dei casi non ce né bisogno: basta che qualche invitato lo provi per primo e poi è un susseguirsi di foto e di stampe.

E se scegliessi il momento del photo booth dopo il pranzo?

Per Denise e Sergio il momento migliore del photo booth è stato dopo il taglio della torta

Ci sono situazioni in cui gli sposi sono decisi nel impostare la mia parentesi dopo il pranzo o la cena.

E difatti ci sono stati casi in cui ho iniziato a svolgere il mio lavoro nel momento successivo al taglio della torta.

Nella stagione scorsa, negli eventi in cui ho collaborato con la SalvySpettacoli presso la sala ricevimenti Villa Cirigliano di Pane e Vino, molto spesso ho svolto il mio momento dopo il pranzo.

Mi posizionavo a bordo piscina, nella bellissima location che la sala ricevimenti Villa Cirigliano utilizza per il taglio della torta, e subito dopo, il deejay comunicava agli invitati la mia presenza. Ero ben visibile da tutti, quindi bastava pochissimo per essere attorniato da invitati pronti a farsi fotografare.

Di solito il momento del taglio della torta avviene intorno alle ore 19-20. Quindi, quando ero impegnato in un dopo pranzo terminavo il servizio più o meno intorno alle ore 22-23. Questo in un matrimonio diurno.

Il caso in cui la parentesi del photo booth è avvenuta di notte dalle ore 01:00 alle ore 04:00.

C’è stato però un caso in cui una sposa mi ha voluto dopo il taglio della torta in un matrimonio serale.

Ricevetti il contatto della sposa Denise dal mio collega Luigi di Flàshati PhotoBooth Salento. Lui era impegnato già in un altro matrimonio, aveva avuto la richiesta di preventivo da Denise e mi passo direttamente il suo numero di cellulare per procedere io a contattarla.

Denise aveva scritto a Luigi su matrimonio.com, il collega/amico Luigi (leggi l’articolo che gli “ho dedicato”) gli scrisse che me ne sarei occupato io direttamente.

Gli inviai un’email e poi un messaggio su Whatsapp avvistandola di leggere la posta elettronica. Mi accorsi però che il numero di cellulare non era il solito +39 …. ma aveva un prefisso straniero. Non ci feci più di tanto caso.

Attesi un paio di giorni, non ebbi nessuna risposta email e il messaggio su Whatsapp non era stato nemmeno letto: pensai che forse avevo sbagliato a digitare il numero ma vedendo bene sulla richiesta su matrimonio.com, il numero di cellulare era esatto.

Aspettai altri due giorni poi decisi di provare a telefonargli; digitai quel “numero straniero” e mi rispose Denise. Dal suo nome non comune, pensai che mi avrebbe risposto una straniera ma, iniziando la conversazione, mi accorsi che Denise era italiana a tutti gli effetti. Anzi era originaria di Bisceglie, la città vicino a Molfetta, la mia città nativa.

Gli chiesi se aveva avuto modo di visionare la mia offerta e mi rispose che si era dimenticata di farmi sapere che gli andava bene la mia proposta e che quindi aveva accettato.

Felicissimo, gli chiesi maggiori informazioni sul suo matrimonio e mi svelò che abitava in Spagna in quanto il suo futuro marito era spagnolo. E pensare che io sentendo il nome di Sergio (lo sposo), credevo che fosse italiano!

La telefonata terminò e dissi a Denise che ci saremmo sentiti qualche settimana prima del 16 Agosto 2019 (giorno del suo matrimonio) per decidere il layout fotografico.

La location era a Bisceglie presso Villa Ciardi. Svolgevo un altro matrimonio in Puglia ed era la mia prima volta a Villa Ciardi con Flàshati PhotoBooth Matera.

Sarà stata la felicità di aver “preso” quell’evento, sarà che non ero stato attendo nella prima telefonata fatta a Denise, ma quando messaggiai con lei agli inizi di Agosto per definire il layout che dovevo progettare, Denise mi disse che aveva scelto per il momento del photo booth dopo il taglio della torta.

Il matrimonio era serale, quindi Denise mi svelò che dovevo iniziare intorno alle ore 01:00 di notte e terminare quindi alle ore 04:00.

“Mauro ci sono problemi per l’orario che ho scelto?”

“Assolutamente nessun problema Denise!” Questa fu la mia risposta.

Denise assieme a Sergio avevano deciso che il momento successivo al taglio della torta, nello spazio esterno di Villa Ciardi, addobbato per poter ospitare gli ospiti che avrebbero ballato e gustato il buffet dei dolci con angolo cocktail, era il momento giusto per il photo booth nel loro matrimonio.

E per il sottoscritto non c’era nessun problema!

Non nascondo che l’evento del matrimonio di Denise e Sergio è stata un’esperienza particolare, diversa dalle altre.

Considerando la distanza chilometrica che mi separava dalla sala ricevimenti, partii da Policoro alle ore 19:00 del 16 Agosto 2019. Ovviamente andai da solo senza Martina considerando che sarei tornato il giorno dopo.

Prima di partire per Bisceglie mi fermai da un mio cliente Marr a Marconia. Lì cenai per evitare di fermarmi lungo la strada e dover mangiare i soliti panini o roba del genere. Preferii un ristorante che conoscevo e mangiare un primo e un secondo.

Non volevo arrivare a Bisceglie e trovare un ristorante e mangiare lì: non conoscevo nessuna struttura in particolare, non volevo rischiare e sopratutto, il mio amico Andrea del ristorante Anima & Core di Marconia non mi fece nemmeno pagare.

Arrivai a Bisceglie con tutta calma alle ore 23:00 del 16 Agosto. Parcheggiai l’auto e a piedi raggiunsi la sala dove si stava svolgendo il ricevimento di Denise e Sergio. Ero in netto anticipo ma non mi preoccupai.

Con tutto il tempo necessario che avevo, mi rilassai scoprendo Villa Ciardi in quanto non ci ero mai stato.

Intorno alle ore 00:00 entrai in sala, parlai con il direttore per chiederli dove dovevo posizionarmi e iniziare a capire come dovevo muovermi. La cena matrimoniale intanto volgeva al termine, il taglio della torta si stava avvicinando.

Il cortese direttore mi fece accompagnare da una ragazza all’esterno, dove dovevo esserci con il mio PhotoBooth.

Perquisii il mio spazio. Intanto il personale della struttura stava terminando gli ultimi preparativi per accogliere tutti gli invitati per iniziare il momento finale della festa di Denise e Sergio.

Sempre con molta calma, portai tutta la strumentazione nel giardini, montai il tutto e attesi di iniziare.

Le tre ore procedettero molto tranquillamente. Gli invitati furono cortesi e si divertirono tanto a farsi fotografare e ricevere la copia stampata.

Era un matrimonio italo/spagnolo: tutti si divertirono aldilà della provenienza geografica!

Anche il personale della sala ricevimenti Villa Ciardi non ha resistito al nostro PhotoBooth

Come da programma dovevo terminare alle ore 04:00 di mattina del 17 Agosto 2019. Ma alle ore 03:40, la festa stava terminando, alcuni invitati andavano via e il deejay iniziava a smontare la sua strumentazione.

Vedendo la situazione, iniziai anche io a smontare e portare già qualcosa in auto.

Martina mi aveva suggerito di fermarmi a casa di mia madre a Molfetta, dormire dopo l’evento e poi ripartire. Ma non mi andava di disturbare mia madre, già super apprensiva. Il 17 Agosto era una domenica, non dovevo nemmeno lavorare, dopo una bella colazione, avevo deciso che sarei tornato a Policoro senza problemi.

Dopo che avevo caricato la mia auto, attesi che gli sposi mi pagassero per poi ripartire.

Ma Denise e Sergio avevano accompagnato gli amici al pullman e nel giardino rimasero esclusivamente alcuni invitati, tra cui i genitori della sposa. Con molta gentilezza, chiesi esplicitamente al padre quanto mi spettava per evitare che dovessi ritardare ancora la mia partenza.

Dopo la telefonata alla figlia Denise, il padre mi diede quanto mi doveva, mi misi in macchina e ripartii.

Arrivai a Policoro intorno alle 06:00 di mattina, il sole stava sorgendo e io non avevo minimamente sonno.

Tutto questo per evidenziare una frase e ribadire un concetto:

“Non preoccuparti di quando, l’importante è che tu scelga correttamente. A noi andrà bene ogni tua decisione”.

 

 

Mauro Gadaleta